Donna alla scrivania con la testa tra le mani
Blog
Lavoro ibrido
Forza lavoro multigenerazionale

Burnout sul posto di lavoro: le 5 fasi e i consigli indispensabili per la prevenzione

Pubblicato:

1 novembre 2022

Aggiornato:

19 gennaio 2024

La salute mentale sul lavoro è un argomento serio per le aziende. Sia perché hanno già sperimentato il burnout sul posto di lavoro tra i propri team, sia perché vogliono evitare che si verifichi. Considerato un problema di salute mentale dall'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), il burnout lavorativo è aumentato rapidamente negli ultimi 2 anni. 

Tuttavia, la depressione da lavoro non compare da un giorno all'altro. Gli esperti notano 5 diversi stadi del burnout: la fase della luna di miele, l'inizio dello stress, il periodo di stress cronico, il burnout e il burnout abituale. In questo articolo descriveremo in dettaglio ciascuna di queste. 

Tieni presente che tutti hanno alti e bassi. Se i periodi di "down" durano troppo a lungo, è segno che qualcosa non va. I datori di lavoro, i leader e i responsabili delle risorse umane possono attuare alcune strategie per promuovere un ambiente di lavoro positivo e mantenere i dipendenti felici, soddisfatti e in salute. Alla fine di questo articolo, condividiamo alcune misure chiave da adottare. 

Donne con la testa contro la tastiera del laptop
La stanchezza è un segno di burnout

Il burnout sul posto di lavoro: le cinque fasi da evitare

Fase 1: la luna di miele

L'inizio di un nuovo lavoro di solito scatena sentimenti positivi come motivazione, coinvolgimento, creatività e voglia di imparare. Gli specialisti chiamano questa fase "luna di miele" (come in un matrimonio!). Durante questo periodo, tutto sembra filare liscio. I tuoi collaboratori sono entusiasti e felici di iniziare un nuovo capitolo di carriera. In un mondo perfetto, tu e i tuoi collaboratori vorreste che questi sentimenti durassero per sempre.

Fase 2: insorgenza dello stress

Questa fase idilliaca, purtroppo, non dura per sempre, perché i periodi di stress e le situazioni impreviste fanno parte di qualsiasi esperienza professionale. I tuoi dipendenti sperimentano un po' più spesso l'ansia legata al lavoro: devi davvero fare uno sforzo per mantenere il tuo team motivato e soddisfatto. I sintomi del burnout sul posto di lavoro possono iniziare a manifestarsi in questa fase, se non si fa nulla per prevenirne lo sviluppo.

👋 Inizia una prova gratuita dell'app deskbird per scoprire i vantaggi di un software per la prenotazione di desk aziendali per la tua forza lavoro flessibile!

Fase 3: stress cronico

Nella fase di stress cronico, i tuoi colleghi non vivono più periodi occasionali di pressione, ma questa sensazione negativa è ormai sempre persistente. Sono regolarmente ansiosi e la depressione legata al lavoro ha indubbiamente un impatto sulla loro vita. Diventano meno motivati e produttivi, perdono la pazienza e spesso si comportano in modo apatico nei confronti dei colleghi. A questo punto, la depressione può avere ripercussioni anche sulla vita privata dei dipendenti.

Fase 4: burnout

A questo punto, i segni e i sintomi del burnout lavorativo possono essere avvertiti a livello emotivo, fisico e psicologico. I dipendenti in burnout possono perdere di vista sé stessi e il motivo per cui fanno il loro lavoro. Se si notano cinismo, irritabilità, stanchezza o malattie ricorrenti, per esempio, questi sono i classici sintomi del burnout. È quindi necessario adottare misure drastiche per aiutare i membri del team a superare questa depressione lavorativa. 

Fase 5: burnout abituale

Se il burnout sul posto di lavoro non viene fermato in tempo, i lavoratori raggiungono l'ultimo stadio: il burnout abituale. Una volta diventato un aspetto costante della loro vita, sarà ancora più difficile da superare. Se non viene supportato, un dipendente che vive la fase finale del burnout lavorativo può facilmente cadere in depressione.

👉 Vuoi saperne di più sull'impatto della depressione legata al lavoro? Consulta le ultime statistiche sul burnout per scoprire come influisce sulle nostre vite!

 

Donna stanca con la testa contro la scrivania
Un dipendente stanco non è in grado di lavorare a causa del burnout

Salute mentale al lavoro: i nostri consigli

Formazione sulla salute mentale sul posto di lavoro

Individuare i segnali di allarme del burnout sul posto di lavoro è essenziale per evitare che la situazione peggiori. Per questo motivo, la partecipazione a un corso di formazione sulla salute mentale sul lavoro dovrebbe far parte della tua strategia per mantenere un ambiente di lavoro sano. Sia i dipendenti che i dirigenti devono sapere quali sono i fattori chiave della depressione lavorativa, quali sono i primi sintomi e come evitare o affrontare questo problema. 

Suggerimento di attività per migliorare la salute mentale sul lavoro

Quando i dipendenti sono stressati per il lavoro, a volte è difficile trovare il tempo per svolgere attività extra. Tuttavia, è fondamentale staccare la spina dai pensieri legati al lavoro e mantenere una mentalità sana. Convinci i tuoi collaboratori ad aggiungere alcune attività "divertenti" alla loro pianificazione settimanale. Puoi farlo anche sul posto di lavoro, per esempio organizzando corsi di yoga durante la pausa pranzo o dopo l'orario di lavoro. È anche un ottimo modo per migliorare i rapporti tra i team e creare legami con i colleghi.

Implementazione un programma di assistenza ai dipendenti (EAP)

Quando i membri del tuo team non stanno bene, ciò ha un impatto diretto sulle loro capacità lavorative. I programmi di assistenza ai dipendenti li aiutano ad affrontare qualsiasi problema personale e professionale (burnout, questioni familiari, comportamenti abusivi, ecc.). Gli esperti EAP li aiutano a capire l'origine del problema e a pensare a soluzioni per superarlo. Questi programmi sono ottimi come misure preventive e come soluzione quando il burnout sul posto di lavoro è già in corso. 

👋 Come gestisci il tuo spazio di lavoro con dei dipendenti flessibili? Utilizza il nostro Calcolatore di Lavoro Flessibile per scoprire come ottimizzare lo spazio e risparmiare sui costi!

Promozione dell'equilibrio tra vita privata e lavoro

Parliamo sempre di equilibrio tra vita privata e lavoro per un'ottima ragione: è un pilastro fondamentale per avere una forza lavoro sana e felice. L'orario flessibile e i modelli di lavoro ibridi stanno diventando molto popolari tra le aziende che vogliono concentrarsi maggiormente sulla soddisfazione e sul benessere dei dipendenti. Poiché trascurare l'equilibrio tra vita privata e lavoro è una delle cause principali di un ambiente di lavoro tossico, promuoverlo avrà l'effetto opposto. Visto che le giovani generazioni di lavoratori sono più esposte al burnout, un luogo di lavoro che permetta ai dipendenti di dare priorità alla propria vita personale è uno dei criteri più importanti per i Millennials e gli Zoomers. 

Promozione di un ambiente di lavoro positivo 

L'ambiente di lavoro svolge un ruolo fondamentale nell'aiutare la vostra forza lavoro a rimanere il più possibile nella "fase della luna di miele". Un ambiente di lavoro positivo, con una forte cultura aziendale e un approccio incentrato sul dipendente, favorisce la connessione sul posto di lavoro, la felicità dei dipendenti e la soddisfazione sul lavoro. Inoltre, favorisce la fidelizzazione e l'attrazione dei talenti, soprattutto tra i Millennials e la Gen. Z. Infine, ma non meno importante, uno stile di gestione incentrato sulle persone aumenta le possibilità che i vostri colleghi si rivolgano a voi in caso di problemi. È quindi molto più facile affrontare il problema insieme e trovare soluzioni prima che la situazione degeneri in stress cronico o burnout. 

La squadra si stringe con le mani al centro
Team che fa team building al di fuori del lavoro

Poiché tutti noi siamo esposti a periodi di stress nella nostra vita professionale, capire come avviene il burnout sul posto di lavoro è fondamentale per tutti (datori di lavoro, leader, responsabili delle risorse umane e dipendenti). Conoscere le 5 fasi del burnout aiuta a individuarne i segni e i sintomi e a prevenire che questo ciclo negativo continui. Naturalmente, non devi aspettare che uno dei membri del tuo team soffra di depressione lavorativa per intervenire. Puoi mettere in pratica i consigli che abbiamo condiviso con te per mantenere una buona salute mentale sul lavoro e preservare la felicità e la soddisfazione. Vuoi dare più flessibilità alla tua forza lavoro? Abbraccia un modello di lavoro ibrido e lascia che i tuoi collaboratori godano dei vantaggi di un orario flessibile.

Richiedi una demo gratuita dell'app deskbird per vedere come puoi gestire facilmente un team e un ufficio ibridi!

Paulyne

Paulyne è una specialista del lavoro ibrido, che scrive di sostenibilità, modelli di lavoro flessibili ed esperienza dei dipendenti.

Burnout sul posto di lavoro: le 5 fasi e i consigli indispensabili per la prevenzione