donna che pensa
Blog
Cronaca
Produttività aziendale

Ciò di cui la tua azienda ha disperatamente bisogno NON è il lavoro ibrido: ecco perché

Pubblicato:

4 giugno 2024

Aggiornato:

5 giugno 2024

Come disse una volta Charles Darwin, "non è la specie più forte che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti". E in che epoca di cambiamenti stiamo vivendo!

Tutto è iniziato qualche anno fa, quando il mondo stava combattendo contro un virus misterioso e il lavoro come lo conoscevamo stava per subire una rivoluzione sismica: il modello di lavoro ibrido.

È arrivato come un salvatore, offrendo una soluzione semplice ai nostri problemi d'ufficio, e il suo fascino era irresistibile.

Ti sei fatto prendere dall'entusiasmo, hai convinto i tuoi stakeholders e hai iniziato a pianificare il passaggio al nuovo modo di lavorare. Ora, a distanza di qualche mese, dopo innumerevoli ore, bilanci modificati, gruppi di progetto e sessioni di brainstorming, l'entusiasmo è svanito e la soddisfazione dei dipendenti è in calo. 

Cosa è andato storto?

Se stai mettendo in discussione le tue scelte di vita e il valore del tuo investimento nel lavoro ibrido, non sei il solo. La dura verità? Il modello di lavoro ibrido, e il modo in cui viene implementato da molte aziende, non è la panacea promessa. 

In realtà, ciò di cui la tua azienda ha disperatamente bisogno è un lavoro ibrido coordinato.

La promessa del lavoro ibrido e le sue insidie

È stata presentata come la soluzione di lavoro definitiva: la miscela perfetta di lavoro in ufficio e a distanza, progettata per offrire il meglio di entrambi i mondi. Abbiamo visto il potenziale di aumento della produttività aziendale e di miglioramento dell'equilibrio tra vita privata e lavoro attraverso lo smart working.

Quindi abbiamo pensato: perché non mantenere questi benefici reintegrando i vantaggi sociali e collaborativi della vita in ufficio?

 Perfetto sulla carta, ma non tanto nella pratica.

Dopo l'euforia iniziale per il lancio del modello ibrido, è calata la maschera e sono emersi alcuni problemi. 

Non stiamo scoprendo che l'attuale modello di lavoro ibrido, così come implementato dalla maggior parte delle aziende, è essenzialmente difettoso. La soluzione non è in grado di affrontare le cause di fondo dell'insoddisfazione dei dipendenti. La novità della flessibilità si esaurisce quando i dipendenti si spostano continuamente tra casa e ufficio a causa di orari incoerenti e hanno difficoltà a gestire i confini sfumati tra lavoro e vita privata.

Inoltre, assistiamo a nuove forme di disuguaglianza sul posto di lavoro, dove chi è più presente in ufficio spesso riceve maggiori riconoscimenti e opportunità, mentre i lavoratori a distanza possono essere trascurati. Questo sistema favorisce il risentimento e mina la coesione del team. Impegnarsi in modalità di lavoro flessibili porta spesso a un'esperienza lavorativa disarticolata e frammentata, con conseguente calo del morale e della produttività.

donne che lavorano e guardano i grafici su un desktop

Lo scontro con la realtà

Il coordinamento tra team da remoto e in ufficio richiede un livello di pianificazione e comunicazione che la maggior parte delle organizzazioni non è in grado di gestire. I manager si trovano a destreggiarsi tra programmi diversi, cercando di mantenere l'unità del team in ambienti di lavoro differenti. Il risultato? Burnout, frustrazione e una crescente disillusione sia tra i dipendenti che tra i dirigenti.

Un altro problema è la mancanza di struttura in molti accordi di lavoro ibrido. Il lavoro ibrido può portare a una cultura aziendale frammentata senza linee guida chiare e sforzi coordinati. E la riprogettazione fisica degli uffici spesso non riesce ad affrontare questioni più profonde. Un ufficio moderno non può compensare la mancanza di connessione e coordinamento tra i membri del team. I dipendenti hanno bisogno di una strategia coesa per sostenere la loro esperienza di lavoro ibrido, non solo di un ambiente piacevole.

Il vantaggio di deskbird

Qual è la soluzione? 

La risposta sta nel ripensare completamente il modello di lavoro ibrido. Abbiamo bisogno di un approccio coordinato che vada oltre la semplice flessibilità. La ricerca di deskbird sottolinea la differenza cruciale tra modelli di lavoro ibridi coordinati e non coordinati.

Un lavoro ibrido non coordinato può ridurre significativamente la produttività e la felicità dei dipendenti. Per esempio, orari non coordinati possono far perdere occasioni di collaborazione personale, essenziali per risolvere compiti complessi e creare spirito di squadra. D'altro canto, il lavoro ibrido coordinato può aumentare la produttività fino a 1 giorno alla settimana per dipendente e migliorare la felicità. deskbird ha condotto uno studio approfondito su diversi settori per capire l'impatto dei modelli di lavoro ibridi sulla produttività e sulla soddisfazione dei dipendenti. 

Ecco i risultati principali:

Aumento della produttività:

  • I dipendenti dei modelli di lavoro ibridi coordinati hanno riportato fino a 1 giorno in più di produttività a settimana rispetto a quelli dei modelli non coordinati e livelli generali di produttività superiori del 20%.

Coinvolgimento dei dipendenti:

  • Il 62% dei dipendenti si sente più coinvolto e connesso con i propri team in una configurazione ibrida coordinata.
  • Le interazioni regolari tra i team sono state collegate a un aumento della collaborazione efficace.

Soddisfazione lavorativa e fidelizzazione:

  • Un programma chiaro e semplice ha migliorato la soddisfazione dei dipendenti.
  • Questo ha portato le aziende con modelli ibridi coordinati a registrare tassi di turnover più bassi e prestazioni complessive superiori del 20%.

Riduzione dell'isolamento:

  • Grazie a regolari attività di team-building ed eventi sociali in ufficio, i dipendenti hanno riferito di aver ridotto il senso di isolamento.

Come si può implementare un modello di lavoro ibrido coordinato? Ecco alcune strategie da considerare:

  1. Stabilisci aspettative chiare, con giorni specifici in ufficio e a distanza, per ridurre incertezza, stress e insoddisfazione.  
  2. Promuovi la comunicazione e affidati a una buona tecnologia. Utilizza strumenti digitali per i check-in e le riunioni dei team e sostieni una comunicazione aperta, indipendentemente dalla sede.  
  3. Costruisci una cultura forte, che è un punto chiave. Indipendentemente dalla sede del team, tutti devono sentirsi parte del gruppo. Crea quindi opportunità di interazione sociale di persona e virtualmente. Una forte cultura aziendale aiuta a mitigare l'isolamento e a promuovere il senso di appartenenza. 
  4. Fornire supporto e istruisci il team e le parti interessate. Cambiamenti come questo richiedono il pieno sostegno di tutta l'azienda. Ciò include il sostegno alla salute mentale, le opportunità di sviluppo professionale e l'accesso alla tecnologia necessaria.  

Conclusione

Crediamo fermamente che il lavoro ibrido migliori l'equilibrio tra vita privata e lavoro. Ma per essere efficace al 100%, richiede un coordinamento, altrimenti può diventare rapidamente una fonte di frustrazione e insoddisfazione. 

Considera l'implementazione di una strategia di lavoro ibrido coordinata, così che nella tua azienda si crei un ambiente di lavoro più produttivo, in cui si possa realizzare la promessa originaria del lavoro ibrido.

Ma attenzione: il lavoro coordinato non consiste solo nel ridisegnare gli spazi dell'ufficio o nel consentire il lavoro a distanza; si tratta piuttosto di creare un ambiente di lavoro strutturato, solidale e comunicativo che soddisfi davvero le esigenze dei tuoi dipendenti. Solo così il lavoro ibrido può portare a dipendenti più felici e soddisfatti (che rimarranno con la tua azienda per gli anni a venire).

"Il segreto di un lavoro ibrido di successo non è la sola flessibilità, ma il modo in cui la coordiniamo. La vera felicità sul lavoro deriva da un equilibrio ben oliato di struttura e supporto", Ivan Cossu.

Ciò di cui la tua azienda ha disperatamente bisogno NON è il lavoro ibrido: ecco perché

Graziella Moschella

Graziella è una professionista esperta di content marketing e appassionata di storytelling e nuovi media. Scrive di DEI, donne nel settore tecnologico e modelli di lavoro flessibili. Quando non si occupa di lavoro ibrido, la troverai a leggere o a lavorare a maglia a qualcosa di colorato (che nessuno indosserà mai).

Per saperne di più