donne e colleghi Gen Z in un ufficio ibrido
Blog
Cronaca
Forza lavoro multigenerazionale

Il potere della prossimità

Pubblicato:

23 giugno 2024

Aggiornato:

23 giugno 2024

Scoprire le dinamiche nascoste nel lavoro ibrido per le donne e la Gen Z

Il lavoro ibrido è il nuovo soffitto di cristallo per le donne e la generazione Z? 

Sebbene il lavoro ibrido sia stato celebrato come un cambiamento della flessibilità, è fondamentale guardare oltre la superficie. Nonostante la sua facciata progressista, il lavoro ibrido potrebbe amplificare le disuguaglianze esistenti sul posto di lavoro, in particolare per le donne e per la generazione Z

L'influenza della vicinanza fisica, o della sua mancanza, sulla carriera è profonda e spesso trascurata. Il lavoro ibrido, con il suo potenziale di limitare le interazioni di persona, potrebbe avere un impatto significativo su questo aspetto. 

Con l'ingresso del lavoro ibrido nella scena del mondo del lavoro, questo modello ha offerto la massima flessibilità nella gestione dell'equilibrio tra vita privata e lavoro, riducendo potenzialmente le spese generali dei datori di lavoro e consentendo loro di reclutare un pool di talenti più ampio. Ma questo nuovo modello non è del tutto impeccabile e nel tempo sono emersi alcuni problemi.

Per alcuni, soprattutto donne e giovani lavoratori, questo ambiente di lavoro ibrido può accentuare ulteriormente le disuguaglianze esistenti

Mancano di visibilità, networking e mentoring informale per l'avanzamento di carriera. Questi svantaggi, minori ma critici, indicano che il lavoro ibrido può essere il soffitto di cristallo per le donne e per i dipendenti della Generazione Z. 

Le dinamiche di genere nel lavoro ibrido

Nei settori dominati dagli uomini, la lotta per la visibilità e la necessità di progredire nella carriera delle donne sono sempre difficili; il lavoro ibrido spesso richiede periodi di lunga assenza dall'ufficio, rendendo la situazione più complicata. 

Un recentestudio di McKinseyha dimostrato che le donne che lavorano da casa hanno il 20% in meno di probabilità di essere promosse rispetto agli uomini che lavorano in ufficio in settori dominati dagli uomini. A ciò si aggiungono le lacune in termini di visibilità e mentorship, cruciali per il successo in qualsiasi ambiente competitivo e dominato dagli uomini. 

Non si tratta solo di portare a termine dei compiti; fa parte del flusso della vita d'ufficio, dove si creano connessioni e si condividono informazioni. Gli ambienti d'ufficio offrono molte opportunità per creare legami informali: imbattersi in un manager senior nel corridoio, partecipare a una sessione di brainstorming spontanea o essere notati per essere rimasti fino a tardi a lavorare su un progetto critico. 

Si tratta di momenti di grande impatto nelle traiettorie di carriera, in cui si ha visibilità e l'opportunità di dimostrare competenza e impegno. Quando le donne non sono presenti a questi momenti organici di riconoscimento e di legame, la loro assenza tende ad confermare gli stereotipi e la percezione che non siano così coinvolte o forse nemmeno abbastanza capaci, alimentando ulteriormente questa disuguaglianza di genere. 

Volti freschi: novellini e prossimità 

Le trappole del lavoro ibrido sono di genere, ma non solo: i dipendenti al primo anno di lavoro hanno un tasso di fidelizzazione inferiore del 25% nei casi di lavoro a distanza. La vicinanza crea relazioni e trasferimento di conoscenze, essenziali per acclimatarsi alla cultura aziendale e interiorizzare le norme non dette del luogo di lavoro. 

I primi giorni di lavoro costituiscono una base fondamentale per il futuro di un nuovo dipendente in un'azienda. Aiutano il nuovo arrivato a capire la cultura organizzativa, i valori e l'orientamento previsto. In un ufficio in cui tutti sono fisicamente presenti, un nuovo assunto può imparare tutto questo osservando gli altri. 

Scambi casuali potrebbero dare loro un'idea di cosa aspettarsi in questa azienda, come la partecipazione ad attività di team building o la possibilità di ricevere valutazioni o correzioni immediate dal supervisore e dai colleghi sul lavoro svolto. Queste opportunità sono importanti per stabilire fiducia, relazioni e appartenenza. 

Come le loro controparti tradizionali, i neoassunti a distanza avranno difficoltà ad adattarsi al nuovo ambiente e alla cultura dell'organizzazione. Inoltre, potrebbero perdere lo scambio di informazioni all'interno delle reti informali, che di solito facilita lo sviluppo professionale di un individuo. 

A causa della mancanza di presenza fisica, possono sentirsi esclusi e meno valorizzati, con conseguenti tassi di turnover più elevati e minore soddisfazione lavorativa.

Fattore età: Gen Z e l'era ibrida 

La Gen Z, l'ultima coorte del mercato del lavoro, vive uno spazio di lavoro ibrido piuttosto impegnativo. Studi recenti hanno concluso che il 72% dei dipendenti della Gen Z preferisce ancora l'esperienza dell'ufficio di persona per rimanere vicini alla mentorship e alle opportunità di sviluppo professionale. 

I dipendenti più giovani traggono un beneficio sproporzionato dalla prossimità, perché hanno bisogno di una guida, di un feedback immediato e di acquisire competenze durante questi anni formativi. È una questione di capacità di apprendimento e di crescita per i nuovi arrivati nel mercato del lavoro. 

L'apprendimento è più ricco attraverso le interazioni di persona, che permettono di cogliere sottigliezze difficili da notare attraverso le interazioni virtuali. La presenza fisica permette ai dipendenti alle prime armi di osservare il comportamento e i meccanismi decisionali dei colleghi più esperti, di porre subito qualsiasi domanda e di ottenere un feedback immediato. 

L'apprendimento esperienziale costituisce la base delle competenze e della fiducia che consentono alle persone di progredire nella loro carriera. La presenza in un ambiente sociale al lavoro - fare amicizia, trovare un mentore, sentirsi parte di una comunità - contribuisce in larga misura alla soddisfazione sul lavoro e alla crescita professionale

I dipendenti della Gen Z sono cresciuti in un'epoca in cui la connessione digitale significava molte cose, ma in qualche modo mancava l'interazione personale che la presenza fisica tende a garantire. Questo modello, tuttavia, toglie ai dipendenti queste opportunità negli anni della loro formazione, il che può bloccare la loro crescita sul lavoro e la loro carriera. 

L'interazione tra proprietà e prossimità 

Non è solo la flessibilità a essere svantaggiata per i lavoratori più giovani: questi ultimi sono altrettanto svantaggiati quando lavorano da remoto. 

Le ricerche dimostrano che i dipendenti più giovani subiscono maggiori effetti negativi quando lavorano da casa rispetto ai colleghi più anziani. Questo svantaggio accumulato richiede politiche mirate per aiutare i giovani professionisti. 

I giovani lavoratori in genere non dispongono di una rete di contatti e di conoscenze istituzionali che possano essere considerate alla stregua del tempo trascorso in una determinata azienda. Questi fatti li rendono più suscettibili alle insidie del lavoro a distanza di cui sopra. 

Un dipendente più esperto potrebbe aver già raggiunto una reputazione e costruito una rete di contatti per continuare a provvedere al suo sviluppo di carriera, anche da remoto. 

I dipendenti più giovani, che stanno ancora costruendo la propria identità professionale, sono meno in grado di stabilire dei punti di riferimento e di dimostrare il proprio valore quando non sono fisicamente presenti. Si perdono il tutoraggio e il coaching, che possono emergere solo in modo organico sul posto di lavoro. Questo, a sua volta, ritarda il loro sviluppo professionale e, di conseguenza, riduce il loro spazio per avere successo nella carriera. 

Gli psicologi del lavoro affermano che la necessità di una presenza fisica nei giovani dipendenti è fondamentale. La vicinanza favorisce il senso di appartenenza e permette ai giovani lavoratori di assorbire le sottili sfumature del comportamento professionale e delle politiche d'ufficio, fondamentali per l'avanzamento di carriera. 

Ripensare il lavoro ibrido 

È evidente la necessità per le aziende di ridefinire le politiche di lavoro ibrido

Se i vantaggi del lavoro flessibile sono innegabili, è altrettanto importante affrontare il potenziale di aumento delle disuguaglianze. Per creare un ambiente veramente equo per i lavoratori ibridi, le aziende devono considerare in modo mirato le opportunità strutturate di persona per il mentoring, il team-building e lo sviluppo professionale nei modelli di lavoro ibrido. La necessità per le aziende di ridefinire le politiche sul lavoro ibrido è quindi fondamentale. 

Per esempio, i team possono organizzare giornate in ufficio per collaborare, fare brainstorming o costruire relazioni. Queste giornate devono essere pianificate strategicamente per massimizzare l'impatto e consentire le interazioni di persona. 

Le aziende dovrebbero anche investire nella formazione dei propri manager per supportare efficacemente i dipendenti da remoto nei progetti critici e offrire loro pari opportunità di avanzamento di carriera. 

L'azienda potrebbe aver bisogno di progettare programmi di mentorship che forniscano guida e supporto ai dipendenti da remoto come a quelli in ufficio. 

Le valutazioni delle prestazioni devono tenere conto della diversa natura del lavoro a distanza. Dovrebbero essere incentrate sui risultati piuttosto che sulla presenza. Le organizzazioni potrebbero adottare queste best practice per utilizzare il lavoro ibrido come modello per sfruttare i vantaggi della flessibilità con rischi minimi. 

La prossimità: un catalizzatore silenzioso per l'uguaglianza 

Il lavoro ibrido non deve diventare un nuovo soffitto di cristallo per le donne e per i dipendenti della Gen Z. Si tratta piuttosto di un modello che dovrebbe combinare il meglio dei due mondi: la flessibilità del lavoro a distanza e l'opportunità di sviluppare la propria carriera quando si è sul posto di lavoro.

Nel perseguire la flessibilità, non dimentichiamo che la prossimità è un tacito catalizzatore di uguaglianza e crescita. Non costruiamo nuove barriere in nome della rottura di quelle vecchie. 

Ripensare, riprogettare e rinnovare le politiche di lavoro ibrido può aiutare a garantire che queste aziende offrano un ambiente inclusivo in cui tutti, indipendentemente dal sesso o dall'età, siano considerati un'opportunità di successo. Non si tratta solo di stabilire cosa sia giusto o meno; si tratta anche di realizzare il potenziale di una forza lavoro diversificata per guidare l'innovazione e il successo nel luogo di lavoro moderno.

Chi riesce a tradurre questi ideali in una realtà di equità all'interno del modello di lavoro ibrido sarà all'avanguardia per quanto riguarda il miglioramento della soddisfazione e della fidelizzazione dei dipendenti ed emergerà come leader in questo nuovo mondo del lavoro. 

Il potere della prossimità

Graziella Moschella

Graziella è una professionista esperta di content marketing e appassionata di storytelling e nuovi media. Scrive di DEI, donne nel settore tecnologico e modelli di lavoro flessibili. Quando non si occupa di lavoro ibrido, la troverai a leggere o a lavorare a maglia a qualcosa di colorato (che nessuno indosserà mai).

Per saperne di più